Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Facebook Instagram

WHATSAPP +39 370 3650162

EMAIL info@regalasalute.it

 

NEWS E ULTIM'ORA

GLI OPERATORI SANITARI E IL PERSONALE SCOLASTICO.

La parola al Dott. Settimo Gaetano.

 Il rapporto del 2006 del European Centre for Environments and Health indica quattro ambiti principali su cui intervenire nel miglioramento dell’a ria indoor:1 cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile,2 esposizione ai principali agenti di rischio ambientale (indoor e outdoor),3 inquinamento acustico, radiazioni, condizioni di lavoro o abitative inadeguate, 4 informazione sulla salute ambientale e comunicazione del rischio, 5 gestione delle risorse naturali. Secondo il Dott. Settimo già nel 2006 l’ OMS aveva dichiarato che l’inquinamento indoor è causa di malattie e decessi e che il numero potrebbe essere ridotto notevolmente attraverso politiche di contrasto. Il Dott. Settimo sottolinea sottostimando una cifra superiore a 234 milioni di euro di costi diretti provenienti in Italia dall’ inquinamento indoor. “Fondamentale è sensibilizzare sia il personale tecnico che i cittadini, includendo il personale Arpa, il personale scolastico, gli amministratori e i professionisti coinvolti come architetti, ingegneri, costruttori sulle problematiche riguardo la qualità dell’aria indoor e sulla riduzione e abbattimento dei livelli di inquinanti. E’ necessario promuovere buone pratiche di sostenibilità ed eco-compatibilità nell’acquisizione di beni e servizi e nella ristrutturazione e costruzione di edifici. E’ obbligatorio occuparsi dei livelli di umidità degli ambienti, del ricambio d’aria, e delle eventuali emissioni provenienti da impianti termici e di condizionamento, un passo avanti nel decreto affinchè sia il più completo possibile” spiega il Dott. Settimo.