Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Facebook Instagram

WHATSAPP +39 370 3650162

EMAIL info@regalasalute.it

 

Biofilia e salute pubblica

La botanica di Leonardo

Il suo pensiero riguardo la natura

La relazione tra l’uomo e la natura è stata oggetto  di profondi studi da parte della geniale mente di Leonardo da Vinci.

La natura mostrata nelle sue opere infatti, non era solo imitata, ma attentamente analizzata nella morfologia del territorio, nella zoologia e nella botanica.

Il pensiero scientifico “universale” di Leonardo, è ricco di implicazioni contemporanee, essendo noi costretti, nostro malgrado, a ripensare in profondità il rapporto tra uomo e natura.

Per Leonardo infatti, la Natura, uomo compreso, era un’entità unica in cui tutto è connesso e in movimento.

Oltre cinquecento anni fa, egli ebbe intuizioni di assoluto rilievo nella storia della botanica (ha scoperto per esempio l’età delle piante legata agli anelli visibili nel tronco), sottolineando il sistema di relazioni tra l’uomo e l’ambiente attraverso la sua visione sistemica, che andava oltre la semplice descrizione di ciò che vedeva.

Gli studi sul fototropismo o sul geotropismo offrono l’opportunità di cogliere come la natura si adatti e si relazioni all’ambiente, come ci dicono oggi scienziati della portata di Stefano Mancuso, uno dei massimi studiosi dell’intelligenza” della natura.

I disegni di Leonardo mostrano quanto arte e scienza fossero per lui, indissolubili: mai soltanto descrittiva la conoscenza scientifica, mai soltanto estetica la pittura