Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Facebook Instagram

WHATSAPP +39 370 3650162

EMAIL info@regalasalute.it

 

Conosci le piante antinquinamento

La coltivazione dei ciclamini negli ambienti indoor

Segreti e consigli per la pianta da esterno più amata per gli interni

Il ciclamino si coltiva come pianta d’appartamento da 200 anni, infatti se collocata all’interno degli ambienti resta in fiore per lungo tempo, specialmente se al momento dell’acquisto si ha l’accortezza di scegliere esemplari con fiori non ancora aperti.

E’ possibile trovarli già da inizio settembre, anche se visto le temperature ancora estive, la coltivazione in questo periodo non è semplice.  Ottobre è il periodo migliore per iniziare ad acquistare i ciclamini, infatti le temperature autunnali fanno si che abbiano una fioritura rigogliosa e duratura senza grossi sforzi.

L’annaffiatura è il fattore più importante e delicato, una carenza d’acqua infatti potrebbe far appassire i fiori rapidamente, mentre innaffiature troppo abbondanti porterebbero all’ingiallimento delle foglie con relativo appassimento dei fiori.

Togliete sempre le foglie gialle e i fiori appassiti, garantendo una buona luminosità ed una irrigazione costante (8/10 minuti con il sottovaso).

Per conservarli metteteli dopo la fioritura in una serra fredda oppure in un ambiente non riscaldato e riducete progressivamente la dose dell’acqua, cosi da portare il tubero a riposo. Progressivamente quando iniziano a comparire le prime foglie potete rinvasarlo (terriccio ben drenante) sistemandolo in uno spazio luminoso ma fresco, e gradualmente aumentare le annaffiature.

Un piccolo segreto per ottenere una fioritura più ricca è quello di asportare i primi boccioli fiorali, cosi da far formare una corona che fiorirà contemporaneamente.

Vuoi saperne di più sul ciclamino? Contattaci a info@regalasalute.it.