Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Facebook Instagram

WHATSAPP +39 370 3650162

EMAIL info@regalasalute.it

 

Agenti inquinanti

La normativa sul fumo.

Come sono regolamentati gli ambienti.

L'articolo 1 (art. 51 comma 1 lettera b 16 gennaio 2003) del D.P.C.M. (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) prevede che i locali riservati ai fumatori devono essere contrassegnati come tali e realizzati in modo da risultare adeguatamente separati da altri ambienti limitrofi. Inoltre i locali per fumatori devono essere delimitati da pareti a tutta altezza su quattro lati dotati di ingresso con porta a chiusura automatica, fornite di adeguata segnaletica. L'articolo 2 prescrive che tali locali siano dotati di mezzi meccanici di ventilazione forzata con ricambio d'aria adeguatamente filtrata. La portata minima supplementare da assicurare è di 30 lt/secondo, con un indice di affollamento di 0,7 persone/mq. All'interno dei locali deve essere indicato il numero massimo di persone ammissibili sulla base della portata dell'impianto. L'articolo 3 prevede che la superficie destinata ai fumatori deve essere inferiore alla metà della superficie complessiva. L' articolo 5 specifica che l'aria proveniente dai locali per fumatori non sia riciclabile, ma sia espulsa all'esterno attraverso idonei impianti e aperture secondo le normative generali. L'articolo 6 spiega come tecnologie, impianti e opere devono essere conformi alle disposizioni legislative e regolamentate in tema di sicurezza e risparmio energetico. La comunicazione del rischio come cartelli e segnali sono descritte nell'articolo 7.