Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Facebook Instagram

WHATSAPP +39 370 3650162

EMAIL info@regalasalute.it

 

Conosci le piante antinquinamento

LE CURE PER LE VOSTRE PIANTE.

I principi che fanno la differenza.

Vedere le piante crescere in maniera stentata, oppure con un fogliame che tende a marcire senza un motivo preciso può essere molto sconfortante, però non è una questione o meno di avere il pollice verde come molte volte si pensa, è solo un problema di dedicarci più tempo, e spesso apportare qualche piccolo cambiamento che può fare la differenza.

 La posizione è la prima cosa da controllare, l’ habitat naturale è ben diverso dai nostri appartamenti, quindi creare le giuste condizioni è fondamentale per una coltivazione semplice ed efficace. Per posizione si intende la valutazione della  luminosità, della temperatura, ma anche delle correnti d’aria, infatti possono provocare bruschi sbalzi di temperatura soprattutto se l’ambiente interno è più caldo di quello esterno possono essere veramente micidiali, quindi meglio tenerle in posizione riparate lontano da porte o finestre che si aprono spesso

.L’acqua è il passo successivo, ed è anche quello più importante, infatti nella maggior parte dei casi una cattiva gestione dell’acqua è la causa di molte patologie. Naturalmente in estate le piante hanno bisogno di più acqua, ma sapere precisamente quanta deve essere questa quantità d’acqua non è semplice. L’ irrigazione deve essere costante e la pianta deve essere mantenuta fresca, risultato che si ottiene  irrigando moderatamente e poi controllandola il giorno successivo, infatti se dopo 24 ore la pianta non sarà asciutta probabilmente significa che avete irrigato troppo. Se non siete sicuri se irrigare, il consiglio è quello di togliere il vaso e controllare l’umidità del terriccio. Foglie marce, radici marroni, foglie deboli e ingiallite sono i sintomi di una eccessiva irrigazione, quindi è consigliabile bloccare le innaffiatura e una volta asciutta gestire la pianta in maniera più oculata. La scarsa irrigazione nella maggior parte dei casi presenta gli stessi sintomi di una eccessiva, quindi per prima cosa è controllare il terriccio e appurato che la pianta ha bisogno di essere annaffiata dobbiamo irrigare abbondantemente e, ricontrollare la pianta  dopo qualche ora, se il fogliame si è ripreso a quel punto dobbiamo gestire la pianta in maniera corretta. Questi sono alcuni piccoli consigli su come capire e migliorare l’irrigazione delle vostre piante, il punto fondamentale è quello di capire che una giusta annaffiatura non serve alla pianta solo per crescere, ma la rende più forte e resistente alla malattie, purtroppo non esiste una ricetta magica che vada bene per tutte le piante, si tratta di osservare le caratteristiche che ogni pianta possiede e controllare quotidianamente la loro umidità e di conseguenza il loro stato di salute.