Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Facebook Instagram

WHATSAPP +39 370 3650162

EMAIL info@regalasalute.it

 

Conosci le piante antinquinamento

Troppa o poca acqua?

Come capire le differenze.

Come oramai ripeto molto spesso la causa di molti problemi che vediamo insorgere ad una pianta durante la coltivazione è senza dubbio una errata gestione idrica. La mancanza d’acqua può essere riconosciuta attraverso il raggrinzimento, l ‘appassimento e la caduta delle foglie. Questo succede perché le piante per far fronte a questa carenza sfruttano tutte le loro risorse idriche per cercare di sopravvivere. La caduta delle foglie nella parte inferiore della pianta per esempio molto visibile nel Ficus Benjamina è il primo “avvertimento” che da la pianta riguardo la sua carenza di acqua. In questo caso possiamo accertarsi che la pianta abbia un buon apparato radicale e quindi è consigliabile rinvasare la pianta in un vaso più grande.  L’eccesso opposto, quindi la troppa acqua provoca prima il marciume delle radici poi di conseguenza l’appassimento, l’ingiallimento e la caduta delle foglie. Il sottovaso rimane una dellecause principali del marciume radicale, infatti spesso viene dimenticato oppure mal gestito, infatti dopo 10-15 minuti il sottovaso è preferibile toglierlo. Il consiglio che posso darvi per capire se la dose di acqua è giusta oppure no è quello di svasare frequentemente le piante e accertarsi che il terriccio sia fresco per tutta la superficie, quindi non troppo asciutto e non troppo bagnato.